Friday, 30 December 2011


Ci hanno provato in tanti.
Una lotta senza precedenti innanzi alla quale persino Radames Friselli, figlio illegittimo quarantaduenne di Clark Gable con Ignazia la lavandaia, ha dovuto frenare le sue intenzioni scioperanti nella fabbrica di acquitrinii presso cui lavora, e ammettere che sì, nel bene o nel male, gli avrebbe alleggerito molto l'astio del misero bottino salariale e della pensione slittata nel 2095 il sapere di poter concorrere a Lo Stronzo dell'Anno.
Ad onor del vero, però, non sono bastati i 72 giorni di sciopero marrone (durante i quali si peritava di cacare ogni mane negli altoforni della fabbrica) a fargli conquistare l'ambito premio.
Esattamente come non sono bastati tentativi di qualche nostro collaboratore nello sforare le consegne di disegni e vignette pur di conquistare il tytolo. Eppure, di fronte ad un primato che vale l'annualità di stronzo non possiamo dimenticare chi, manscherando quei pacchi dono come regali di natale o come pacchi per gli accattoni che schiatteranno di freddo e inedia a gennaio, ha voluto ungere gli ingranaggi dei nostri televoti pur di raggiungere la vetta.
Ringraziamo malvolentieri per:
- i sedici cammelli e le loro 32 tonnellate di sterco ricevuti per la candidatura dei preti che hanno deciso di festeggiare la santità del natalizio nascituro legnandosi di contentezza e per la candidatura del pretino che aveva deciso di affidare la pulizia del proprio ecclesiastico colon nei sapienti zoccoli di Arthur, raro cavallo a cinque zampe;
- una fedele riproduzione in bachelite e vetro di murano del pene di Malgioglio, da usare come pregevole fermacarte, ricevuta per la candidatura di Oliviero Toscani, che, non sapendo che cazzo mettere sul proprio calendario 2012, è inciampato nella risposta proprio nel momento esatto in cui si poneva la domanda;
- gli slip dimenticati da Sara uffaancoratu Tommasi, autocandidatasi come sempre (Sara, noi ti si vuol bene per almeno due valide argomentazioni, anche noi vorremmo vivere accanto ad una fabbrica di lexotan senza lucchetto, ma la domanda resta lecita: ma a te sto signorilinaggio delle banche cos'è che t'ha fatto? siamo convinti del resto che i tuoi risparmi son ben nascosti sotto il mattone);
- un feudo di diciotto acri coltivato a rapini e banane direttamente dal governo per quel bel decreto milleproroghe che prima ci ha fatto maledire di aver dimenticato almeno 100 volte la sportina di iuta e grano, quando ci recavamo nei vari supermercati, poi ci ha posto di fronte all'annoso problema del tipo di sacchetto da usare per la spazzatura e poi cosa fa? Salva le buste di plastica un tempo bandite.
No, noi abbiamo guardato oltre e non ci siamo fatti corrompere.
Essendo dunque alle porte il primo dell'anno non possiamo che assegnare il tytolo di stronzo dell'anno a chi anzitempo aveva già deciso di prepararci un classico dei classici per il nostro veglione in maschera: l'anguilla al limone. Alla coppia di arrapatissimi sessantenni rietini che ha varcato le soglie del semplice missionario o del bondage, presentandosi in ospedale come novelli cenobiti con un limone nel culo (lui) e con un'anguilla nella vagina (lei) il nostro osannato plauso, il bacio della commissione ed una notte infuocata con Radames e la sua combriccola di scioperanti anguillodotati.
Al prossimo anno!

Thursday, 29 December 2011

IdiosincrasiAlterata
(Assorta nelle Tombolate Maya)
presenta:

Wednesday, 28 December 2011


Non c'è pace nemmeno a Natale, per certi tapini.
L'avevamo lasciata alla disperata ricerca di un manzo quantomeno scopabile (non si può dire, effettivamente, che la nostra Sinead O'Connor abbia palato sofisticato, in tema di maschi), e -sorpresa sorpresa!- la nostra indefessa masturbatrice l'aveva anche trovato. Peccato che le malelingue abbiano spinto la povera vittima, all'anagrafe Barry Harridge, a troncare l'idillio dopo soli 18 giorni. Noi di DoReFartBurp, avvezzi allo scoop più sfrenato, non potevamo lasciarci sfuggire l'occasioni di riportarvi quelle che sono le dicerie più controverse sulla nostra cantante decaduta. Pare innanzitutto che Sinead non abbia mai del tutto abbandonato la tendenza a lasciarsi crescere i baffi (e a portare una sfiga tremenda, diciamocelo) abbracciata ai tempi in cui era conosciuta come Suor Maria Bernadetta: persino dopo il coito si dice che constringa il partner a sedute di 48 ore di penitenze forzate, che vanno dalla preghiera in ginocchio sui ceci (interrotta però da urla belluine della stessa Sinead a scadenza irregolare, così da terrorizzare il malcapitato) a visioni prolungate della stessa Sinead avvolta in abitini fascianti a sottolinearne le mozzarelliche forme. 
Come se non bastasse, ho sentito con queste orecchie la signora Giancarla Harridge, cugina di terzo grado di Barry, giurare sui suoi figli che la O'Connor avrebbe costretto il marito a vestirsi da Prince mentre lo costringeva a frustate a sedere al pianoforte e comporre un nuovo successo per lei.
Raccapriccianti, infine, le voci che vorrebbero la matta irlandese avvezza a pratiche orali estreme, che andrebbero dal gargarismo estremo al boccacicci carpiato mentre si scoreggia all'unisono a mezz'aria, troppo anche per il peggior maniaco.
Trasferisciti in Italia, Sinead, hai visto mai qualcuno lo trovi.
À la prochaine, E.

Monday, 26 December 2011


Poteva entrare nel quel grande novero de "Le più grandi idee del cazzo" e invece la scelta di quell'associazione a delinquere meglio nota come Ferrovie dello Stato di depennare tutti i treni a lunga percorrenza che collegano l'industrioso nord all'arretratissimo ricordiamocenesolol'estatecheesiste sud sì è accontentata di entrare solo nel piccolo calderone de "Le idee per il conio di fantasiose bestemmie".
E leggendo le gesta degli impavidi che hanno dovuto sborsare ulteriori 50 carte pur di salire sull'ennesimo carro bestiame ebraico con destinazione Dachau non faremo polemiche scialbe nè ci faremo prendere da travasi di bile per situazioni che porterebbero anche il più pacato avventore ad incatenarsi sui binari con 16 chili di C4. No, ci limiteremo solo a ricordare l'eleganza del molleggiato nel propagandare un treno probabilmente inesistente. No Adriano, le ferrovie non fanno marmellate, fanno solo cagare. Pensaci se dovessero richiamarti come testimonial.

Sunday, 25 December 2011


Oh oh oh! Buon Natale gentili lettori della consueta rubrica bisettimanale che parla dei vostri personaggi preferiti! Oggi è il 25 dicembre, quale migliore data per illustrarvi la biografia del Salvatore, di colui che grazie ai suoi miracoli ha convertito al suo credo milioni di persone, di quest'uomo che è morto per noi, per salvarci dai nostri peccati? Sapete già di chi sto parlando vero?
Chiaramente del caro leader Kim Jong Il (o Il Kim Jong, a seconda da dove provenite, tipo se siete del nord l'articolo davanti al nome ci sta, sennò no).
Il nostro nasce nel 1941, in una fredda stalla dotata di tutti i comfort nell’estrema periferia di 김정일 (Santamaria Capua Vetere, Corea del Nord), da papà Kim Il Sung e mamma Gennarina.
Sin da bambino il Nostro si appassiona all’arte della politica, sottomettendo i suoi compagni di classe a suon di sganascioni a mano aperta e corrompendo i bulletti con ingenti somme di denaro estorte ai compagni di cui prima: era giù un astuto stratega. All’età di sedici anni cominciò a fare uso di sostanze stupefacenti quali l'hashish e la marijuana facendosi crescere dei dreadlock fino al sedere: era chiaramente diventato comunista.
Da quel momento iniziò la sua lunga scalata al potere, che lo portò a 33 anni e 240 mesi a succedere a suo padre come capo del governo della Corea del Nord, un po’ come tutti i figli zecche e punkabbestia che improvvisamente prendono in mano l’azienda di famiglia senza nessun merito se non quello di essere dei falliti.
Alla sua elezione promise un milione di posti di lavoro e meno tasse per tutti, raggiungendo, a differenza di altri, il suo intento: da allora fu amato e venerato da tutti. Che poi tutti guadagnavano pochissimo e facevano la fame, è un altro conto.
Unico neo nella sua oculata governatio, il suo difficile rapporto con gli amici americani: iniziata con una antipatia reciproca, presto si trasformo in nocchini sulla testa, sarachelle sul braccio, test nucleari non autorizzati, rufoloni, bombardamenti di navi, rutti in faccia col soffietto e cose così.
Purtroppo muore l’11 dicembre 2011, all’età di 33 anni e 444 mesi completamente solo, ma comunque amato da tutti, per aerofagia prurulenta, anche se alcuni sostengano che sia tornato nello spazio, dal pianeta da cui è provenuto.
Addio dolce principe, grazie di averci regalato un sogno.

Saturday, 24 December 2011


Vipregomandateliviavipregomandateliviavipregomandatelivia, continua a ripetere il Professor Aristide Maria Verdirame ascoltando i bambini che cantano strenne natalizie fuori dalla porta. Del resto è noto il suo odio per i buoni sentimenti in genere: sono l'assistente Brigida, e data la situazione di emergenza condurrò io per voi amorosetti

COGLIONI DI MULO
e altre meraviglie della natura

Il puccipuccino che vedete in foto è un animaletto garrulo che noi tutti amiamo e rispettiamo, perchè come d'estate ci allieta gli altrimenti noiosi pomeriggi d'ozio, una sua varietà anche d'inverno vuole renderci felici e morbidini: vi presento il barista semplice Prontissimi Boris, tenerissimo esemplare di cicala natalizia del Madagascar. Questi dolciotti, simpatici e morbidosi insettini non fanno altro che cantare, cantare, cantare non d'estate, come le loro cuginette europee, ma d'inverno, per Natale, intonando Jingle Bells, White Christmas e Tu Scendi Dalle Stelle  vari. Che gioia! Cha amore! Che felicità! Che tenerezno no la prego Professore non mi stupri ancora, siamo a Natale, no no no no

Friday, 23 December 2011


Facendo leva sull'adagio tanto caro al Petrarca "E' arrivato natale, non tengo rinale/ No tengo na pipa e non posso fumar!" che tanto mosse la critica sul duplice significato di rinale inteso sia come danari che come sontuoso pisciatoio, Stefano Bocconotti, qui nelle vesti di Babbo Natale a ore, decise di regalare nel 1962 al nano Giangiorgio Abatematteo (di anni 56 pettinatissimi e brillantinati a dovere) una tromba mascagni, uno strumento musicale insuflabile con cui allietare gli attributi altrui. Il pentimento del Babbo si rende fotograficamente manifesto nel momento esatto in cui il Giangiorgio riesce con una fiatella cipollorum a riprodurre un endecasillabo iato duodenale palindromico (nel senso che non solo riesce a farlo uscire dalla tromba, ma, causa sforzo disumano, anche dal culo).
Lasciando da parte ogni indugio, non ci soffemeremo affatto su quanto a fondo, e soprattutto in quale retto, il Babbo spinse irritato la tromba per placare la propria ira. Ci dedicheremo invece a calmare le curiosità sfogliando tardivamente le 3 posizioni due della classifica più jodelizzata nel Canton Leprino: Lo Stronzo della Settimana.

Al terzo posto ci fa sorridere amaramente l'assegnare il bronzo a Daniele Luttazzi, a cui tanto bene vogliamo, ma che, nell'inserire Gene Gnocchi nella propria personale lista dei comici paraculi, s'è sentito rendere pan per focaccia, stie per galline e lampioni per coglioni dal diretto interessato con la frase "Daniele Luttazzi mi dà del paraculo? Rispetto tutte le opinioni, ma quella di uno che copia da Letterman e da chissà chi altri mi rimbalza". "Bam, giù nel canestro" avrebbe replicato invece Peter Griffin riguardando uno spot sip del periodo giovanil-telefonico di Luttazzi.
Al secondo posto saltiamo di palo in due frasche smezzando l'argento:
- sulla prima frasca Ahmed, ragazzino egiziano con tanto tempo libero che pare aver scatenato un mezzo putiferio faccialibertino per aver postato una foto in cui ammazzerebbe un cane nel proprio bagno di casa. Choc e indignazione, critiche ed insulti, patate con il pollo, soprattutto per chi ha scambiato per cane quella che dovrebbe essere una capra;
- sulla seconda frasca il cave minnam mediatico degli ultimi giorni, che vede in pericolo migliaia di mammelle modificate e che sta facendo sussultare altrettante donne. Il governo francese raccomanda la rimozione a titolo preventivo e senza carattere d'urgenza. Il rischio d'altronde pare solo essere il cancro. E come disse una volta al sottoscritto, osservando la prima fiamma giovanile, il pater familias: "stacci attento a quelle tette!"
Ed è un primo posto che ci riporta appunto all'adolescenza o anche alla solitudine delle scorse sere quello che ci si pone innanzi agli occhi questa settimana. Non gusterà il panettone quest'anno il caliente adolescente brasiliano che, per un errato calcolo delle proprie scorte spermatiche, ha deciso, per usare un'espressione tanto cara a Robespierre, di sfinarsi di seghe fino all'ultimo fatal sospiro. Impazza ora la polemica sull'utilizzo della rete e del troppo materiale pornografico che essa propone. La nostra domanda rimane: e chi si masturba sulle fotogallery ai limiti del succinto nei siti d'informazione?
Alla prossima settimana!

Wednesday, 21 December 2011



Oh santa miseria. Uno dice è Natale, siamo tutti più buoni, non si litiga più per due settimane. Poi, per puro caso, magari un po' per diletto, finisce sul profilo facebook di Giusy avevofortunatamentedimenticatochetuesistessiprimadioggi Ferreri e bum, bordate a destra e a manca manco fossimo a Amici. La tapina, infatti, ha pubblicato un accorato e lunghissimo post che, se riuscirete a tollerare la mancanza colpevole di punteggiatura, un generale e reiterato disprezzo per la grammatica italiana e soprattutto un uso smodato del caps lock, vi svelerà che, nell'ordine, è stata operata alle corde vocali, non parteciperà al concerto di Capodanno a Roma e, fondamentalmente, il suo staff è composto da persone di merda.
Ora, cara Giusy. Qui a DoReFartBurp sappiamo bene che far casino per attirare l'attenzione ottiene sempre il suo effetto, in Italia, ma ci aspettavamo un minimo di classe, o perlomeno parolacce ben più raffinate e articolate di un semplice affanculo, specie da una che, in un modo o nell'altro, con le parole dovrebbe lavorarci.
E invece niente. Ora su, facci una bella canzone di sfogo stile Vaffanculo di Masini e poi torna nell'oblio che meriti, che qui dobbiamo pensare alle cose serie.
À la prochaine,
E.

Tuesday, 20 December 2011

Puntualissimi come si addice ad ogni
buon servizio pubblico che si rispetti:

ARTURO
o forse no? ...


       

Monday, 19 December 2011


Inutile negarlo. Quel mattacchione del Bossi Senior ha proprio deciso di diventare il Nostradamus di casa e, tra le 42 cazzate sputacchianti che vengono fuori da quel forno che all'anagrafe dovrebbe essere una bocca, ha iniziato a sentenziare al pari di una sibilla.
Le profezie più famose delle ultime settimane:
- L'esecutivo andrà a picco, l'euro è kaput e la Padania si farà la sua moneta
   (e la notte della taranta inizieranno a farla a Cernusco sul Naviglio)
- La manovra farà casino, Monti è cattivo
   (e speriamo non si coalizzi con Pietro Gambadilegno e Macchia Nera, altrimenti saranno acidissimi cazzi)
- Tremonti è un uomo valido
   (esattamente quanto un condono fiscale)
- Tagliare i costi della politica va bene, ma bisogna fare le cose serie
   (eppure non vi è un soggetto nella frase)
- Monti finirà nel 2012
Squarci di futuro, righe prese dal barzellettiere di Gino Bramieri o le farneticazioni di un produttore di seme così padanicamente puro da dar vita a una progenie di trote?
Che il sogno padano sia con voi.

Sunday, 18 December 2011


Buongiorno miei famelici lettori bramanti di nuove ricette e bentornati alla rubrica culinaria preferita da tutti quelli che, come noi, non sono ancora in ferie, magari perché un dispotico datore di lavoro (nel nostro caso l’illustre injenier M.) vi tiene sotto frusta.
Oggi tra l’altro il sindacato idiosincratico aveva deciso lo sciopero generale, ma vista la presenza di numerosi crumiri in redazione, pubblicheremo lo stesso, controvoglia, una ricetta natalizia per accontentare anche il più cicciottello di voi.

Oggi vi insegneremo a cucinare le orecchiette alla M., quelle che regaleremo appunto all’amatissimo injenier per averci fatto lavorare anche oggi.
Innanzitutto versate in una bacinella d'odio nell’ordine: un chilo di farina doppio zero, un litro d’acqua, sale e lievito. Poi, di soppiatto, staccatevi dei peli da sotto le ascelle, che non lavavate appositamente da due decadi, e infilatele in un frullatore con dei prodotti prelevati dal vostro naso e dal vostro ombelico. Quindi, dopo che la sbobba frullata sarà del tutto incolore, versatela nella bacinella e impastate con gusto emettendo jodel di piacere.
Quando il preparato sarà pronto, fatelo riposare per diverse ore, cosicchè il lievito faccia il suo effetto, ma prima di coprire la bacinella per tenerla al caldo, scorreggiatevi silenziosamente dentro, e poi sigillatela benbene coprendola con numerose coperte.
Dopo tre ore di gozzovigli, potete incominciare a fare le vostre orecchiette, stendendo la pasta e tagliandola nella forma giusta. Una volta pronte, sapete già come cuocerle, altrimenti in tutti ‘sti mesi di rubrica non vi abbiamo insegnato un cazzo e saremmo decisamente alterati.
Ovviamente conditela con sugo stantio e abbondante parmigi-ano reggi-ano. Se al vostro capo piacerà il piatto, riderete crudelmente sotto i vostri folti baffi , fatti crescere appositamente per l’occasione: la vendetta è compiuta!

Vino consigliato: dell’ottimo Lancers frizzantino con dentro del Roipnol.

Saturday, 17 December 2011

Eccezionalmente di sabato!!!
(che prima s'aveva anche di meglio da fare...)

ah sì, idiosincrasialterata
(con buona pace di ATM)
presenta:

Friday, 16 December 2011


Insomma, neppure Ermenegildo Franelli è stato mai un genio incompreso, considerando che anche lui (come suo fratello Francezio), dopo il nemmeno troppo sibillino commento di nonno Arturolomeo "Ermenegi' - rutto con sbuffo post grappino alla ciliegia - il trucco con le donne è avere un uccello ingordo!", ebbe l'arguzia di certo non comune di presentarsi all'appuntamento con Marziolina Tegamelli (immorale venditrice di piaceri carnali a tasso agevolato presso la bottega per catechesi di teologia pastorale di Don Ulrico a Criptaliae nel tarantino) insieme a Samuele, raro ed altezzoso esemplare di Dodo deflorativo viterbese dalla voracità indiscussa.

Non ha molto senso soffermarsi dunque ad elencare in quali orifizi dell'Ermenegildo si sia scatenata la delusione di Samuele dopo aver visto quella scempiaggine visiva rappresentata dai seni della Tegamelli. Vi basti sapere che la retorica di disappunto gli si è strozzata nel becco con un appena sussurrato "Ermenegi', ma dove cazzo mi hai portato?"
Meglio affaccendarsi a scoprire le 3 posizioni 3 della classifica più consultata dai frequentatori abituali di Hamster e Monicastube: Lo Stronzo della Settimana.
Al terzo posto è con indiscutibile magone che tocca assegnare un bronzo odoroso di sterco a Leonardo DiCaprio. Sembra infatti che tutti gli amici del bell'attore lo stiano fanculizzando di gran carriera per colpa del suo cane Django, che, a detta del gossip più becero olezzerebbe quanto e più, se possibile, delle pale di 47
aratri che hanno rivangato un terreno concimato a sterco e cadaveri per diciotto settimane. Leonardo pare sia l'unico a non accorgersi della cosa e continua a rispondere agli inviti per feste, aperitivi e soiree con un estasiatissimo "Graaaande! porto anche Django!"
Al secondo posto scala le graduatorie di inutilità sociale tutta quella serie di sceneggiate napoletane messe in piedi da Domenico tigiurononsapevochifossifinoaieri Scilipoti che, come in quelle coppie di wrestler improbabili che nei primi anni 90 tanto allietavano le nostre mattine al sabato, si accompagna a quei Gianni e Pinotto di Marra e Tommasi per perorare anch'is la causa del canottagg... dello struproselvagg... del signorinilaggio bancario, e poter dare addosso a Monti, alle tasse, a quest'italia delle banane e alle ingiustizzzzie. Mimmuzzo, pecore da pascolare ce ne sono tante.
E finalmente un primo posto che renda giustizia ai tempi che stiamo vivendo: oro blasonato per Franco Zeffirelli, il quale, non nuovo alle dichiarazione che dovrebbero scuotere l'opinione pubblica, rivela "Ho dato il culo per fare carriera. Non ho rimorsi: fu piacevole". Ah, Franco Franco... che ti sia piaciuto non abbiamo dubbi. Del resto, lo recitava anche il vecchio adagio de Il culo è per la gente dotta, per il popolino brutto c'è la potta, ma arrivi un po' tardi, non ti pare? Esiste ancora qualcuno che non ha ancora dato il culo per far carriera da quelle parti?
Alla prossima settimana!

Wednesday, 14 December 2011

Ma quanto tempo era che non parlavamo dell'A.D. di Chiesa Cattolica, quel Joseph Ratzinger croce e delizia di credenti e non? Il furbetto, in effetti, ha nasato da tempo la bufera, e in tempo di proteste affinchè anche il Vaticano paghi l'ICI, ha preferito mantenere un profilo più basso rispetto a ciò a cui siamo abituati.
Ma non si pensi che il nostro eroe abbia abbandonato l'idea di tramare nell'ombra: egli non viene scalfito da dissensi e odi vari, lui va dritto ed affida al poliedrico Cardinale Gianfranco Ravasi il compito di ridare appeal tra i giovani alla Chiesa. Ed ecco per voi in esclusiva, tra twitter, blog e facebook, le principali innovazioni introdotte da chi, non avendo un cazzo da fare tutto il giorno, passa il tempo tra citazioni colte e paurosi segoni a due mani su YouPorn, tipo il Ravasi, appunto.
  • Miracle Jesus III Serie Perfetta: abbandonata l'idea ormai obsoleta di una seconda venuta, preparatevi alla terza, sanguinolenta calata del Cristo. E stavolta ha coinvolto i ninja (e lo Chef Tony).
  • Visto che ormai chiunque incide un album natalizio, perchè non rallegrare gli ascoltatori con le interpretazioni dei classici del rock da parte di alti prelati, in un'operazione contraria che tradisce l'estrema ironia della Chiesa Moderna? Ecco quindi impegnato Bagnasco in Stairway To Heaven, Amorth in Highway To Hell ma soprattutto Ratzinger in persona in Black Sabbath.
  • Il Gioco di Ruolo della Chiesa! Divertiti ad affrontare eretici, posseduti, musulmani ed atei, e scalda i tuoi strumenti di tortura per l'avvento della seconda inquisizione! Del resto ai giovani piace la violenza, e storicamente i cattolici sono stati pionieri in materia! Disponibile anche su PlayStation e X-Box.
Non vi basta? Affari vostri, qua si stanno spremendo le meningi e voi siete incontentabili e ingrati.
À la prochaine,
E.

Tuesday, 13 December 2011


alle volte le cose sono più semplici di quello che crediamo...

Monday, 12 December 2011


Diciamocela tutta.
Siamo sotto le feste. Fuori è tutto un nastrini, angioletti, santa claus e campi rom che bruciano. Potevamo farvi mancare un bel cinepanettone da gustare tra una coppa di bile corretta al cointreau ed una fetta di pandoro allo sterco? Se quindi siete stufi dei soliti Natali a Puttanolandia e Matrimoni sul Trasimeno per voi, e solo per voi, non può che esserci l'Idiosincratico.

Nella veste di papà natale l'Idiosincratico vi propone quello che si rivelerà il boom ai botteghini più atteso dopo "La moglie in bianco...l'amante al pepe". Sì, stiamo parlando Di "Tremila Euro al mese". La commovente storia di Maurizio Paniz, onorevole triste e sconsolato, che scopre di non riuscire ad andare avanti con il misero stipendio di 3mila banane al mese. A placare i suoi vagiti disperati ci sarà un italiano medio dedito al tabagismo e ai lavori di bassa manovalanza, il cui risalto nella storia sarà chiaro solo negli ultimi sei minuti della pellicola, quando, complice una caduta in un fossato ed una minzione controvento che lo inzacchererà a dovere, capirà di averlo preso inderogabilmente in quel posto. A condire il tutto, senza evidenza nella trama del lungometraggio ma di sicuro sollazzo visivo, un nano scelto a caso in un campione di seicento nani alti.
Cosa volete ancora? Un DeSica e un Boldi che si sfanculano per dare spessore alla pellicola? L'Idiosincratico (con le versioni in vhs e per betamax dello sconvolgente capolavoro) vi attende nei peggiori Blockbuster di Torino (attenzione, se il cassiere non è brufoloso non cercatelo nemmeno) e nei migliori ristoranti arabi della Brianza.
Check it out!

Sunday, 11 December 2011


“Alea iacta Est”, il dado è tratto, esclamò Ubaldo Capuzzimati, quindicenne brufoloso giocatore di Dungeons & Dragons, mentre faceva rotolare sul panno verde un venti facce per determinare se Brustolo, il suo Guerriero di ventiseiesimo livello, avesse colpito con la morning star (non morning wood) la faccia della povera cocatrice sua avversaria.
Ma non è di questo che vogliamo parlarvi oggi, miei nerdissimi amanti del latte di soia e degli osservatori astronomici, bensì del Celin Dion della catalogna, lo Stanlio blaugrana: Luis Enrique.

Ok, non ce ne sbatte un cazzo di nulla del calcio, siamo chiari, ma come trascurare le vicende di quest’uomo dalla faccia di chi sta emettendo perennemente flatulenze belle grosse dal retto?
Arrivato ad allenare una grossa squadra italiana, non si sa bene come e perché, ha passato tutta la sua gioventù a giocare in una squadretta qualsiasi, il Barcellona, e a ricevere gomitate in faccia da gente un po’ cafona, ma che dico cafona, massara, ma che dico massara, Massaro (di nome e di fatto), tanto da deturparlo e da fargli assumere l’aria da bonaccione alla “non picchiatemi vi prego, sono una brava ragazza tutta casa e chiesa” che lo contraddistingue ancora oggi.
Ora, io non dico tanto, ma visto che i risultati tardano ad arrivare, perché il Nostro non si dedica alla sua vera passione? Vi state chiedendo quale, miei augusti lettori? Ma come quale! L’imitatore di Totò!
Pare che fin dai tempi del Barcellona il buon Luis studi recitazione per riproporre sul grande schermo piccoli capolavori rivisitati del buon principe De Curtis. In anteprima abbiamo i primi titoli: Lulù contro Maciste; Lulù, Tottino e la mala femmina; e Lulù e Marcellino.
Caro Luis, Mister si nasce, e tu, francamente, non lo nascesti.
Punto, anzi, due punti! Alla prossima.

Saturday, 10 December 2011


Ullallà, mancava poco e tutti i pedanti amanti delle bestiole sarebbero rimasti delusi! Ma ancora una volta il sottoscritto Professor Aristide Maria Verdirame, coadiuvato dall'entusiasmante Brigida, condurrà
COGLIONI DI MULO
e altre meraviglie della natura
Sì, cari amici (cari una bella ceppa, diciamocelo), anche stavolta i miei impegni mi stavano portando lontano da voi. Pensavo a come spendere l'ennesima eredità lasciata da una vecchia miliardaria defunta alla mia finta associazione a favore degli animali Mici Amici Ma Infelici (che invece funge da copertura alle ricerche sulle torture più efficaci ai babbuini), quando il trillo iroso del telefono mi ha riportato alla realtà: era l'Ingegner M., che, dandomi implacabilmente del testadicazzosmettiladigrattartilapancia, mi comunicava che data la mia pigrizia era stato Egli stesso a fotografare ed inviarmi documentazione di una fiera straordinaria. Pensate alla mia sorpresa nel vedermi recapitare un'immagine, pensate, di un esemplare di dobermann teppista nano della Germania Orientale.
È per questo che, spinto dal mio amore per i wurstel coi cra per la bir per la scienza, mi sono spinto fino a Donaueschingen per incontrare nientemeno che Parasacco Loris, di mestiere viceimbrattatore di muri capo. Il bel tomo, che vedete in foto agghindato alla moda più giovane e trasgressiva, mi ha raccontato delle sue marachelle più tremende, che vanno dal murare vivi i coniugi nani Hans ed Heudelinde Bitzenmeier nella loro lillipuziana abitazione, allo sparare ai lampioni col fucile per festeggiare il capodanno; ma la sua vera passione, pare, sia stuprare le assistenti degli studiosi, come ha dichiarato lanciandosi su Brigida. Wenn in Deutchland, tun was die Deutschen tun, mi son detto, adocchiando la sua fidanzatina.

Friday, 9 December 2011


Quando alla domanda "nonno,cosa serve per conquistare una donna?" l'arzillo nonno Arturolomeo Franelli (guinness nel '32 per gli 85 calci in culo dati in 40 secondi al primo cittadino di Bafanco) rispose con un lapidario "Con le donne serve polso, cipiglio alla James Dean e un gran bell'uccello", il piccolo Francezio Franelli (di anni 42 portati davvero di merda) si perse probabilmente qualche passaggio fondamentale, visto l'ardire e la presunzione dimostrata nel presentarsi fumante sigaretta all'appuntamento con Elvira Budelli (notissimo troione di origine bulgare residente a New Castle Ville nel brindisino) in compagnia di Concetto, temibile gallo da combattimento teutonico tre volte medaglia d'oro nella disciplina di smembramento gonadico dei condannati a morte.

Inutile star qui a rivangare i momenti successivi all'esclamazione del "Ma dove cazzo mi hai portato?" da parte di Concetto alla vista di quel cesso a piedoni della Budelli; conviene piuttosto soffermarsi sulle tre posizioni tre della classifica più osannata nei canti veteronatalizi degli elfi bagonghi di Peschici: Lo Stronzo della Settimana.
Al terzo posto, un bronzo d'autore insieme ad uno sticazzi di platino per il miliardarucolo Mark Suckerberg patron del feisbuc, il quale, per un errore nella programmazione, ha visto rese pubbliche molte delle foto ritraenti momenti della sua più intima quotidianità. E così molti internauti fancazzisti, invece delle ultime ansa o dei culi del grande fratello, si sono soffermati sulle foto di Mark che distribuisce dolcetti ad Halloween, su quelle in cui prepara del sushi vestito da geisha, su quelle del compleanno del cugino Coso e su quelle che lo vedono alle prese con il gigantopiteco pene di un Dingo a pelo raso.
Secondo posto laccato d'oro in virtù del quando ci vuol ci vuole per il simpatico omino, le cui generalità restano secrete, che ha scampato la morte per overdose grazie alla prontezza dei suoi amici nell'applicare un vecchio metodo da strada che prevede l'inserimento di un numero imprecisato di cubetti di ghiaccio nel retto del soggetto in pericolo di vita. Ah, fortunato dei fortunati! Ah, gaudiente tra i gaudienti! Che gran cosa l'amicizia.
Comunicazione di servizio per amici e parentado: non state troppo a preoccuparvi se dovesse capitare una cosa del genere; preferiamo attendere pericolosamente i paramedici.
E fu sera e fu mattina. Primo posto al novello mattatore del più grande spettacolo dopo la presa della Bastiglia (della signora Bastiglia Luana da parte di 14 energroidi per la precisione) Rosario Tindaro Fiorello. Il Fiore, ormai twitteristicamente scatenato, merita l'oro per puro caso visto il suo capitanare al momento una lunga serie di vip, starlette, soubrette, nanette, che da un po' di tempo a questa parte ci sfiancano quegli artisti un tempo conosciuti come palle con la loro passione per i cinguettii. E laddove un Clooney replicava "Un mio profilo? Meglio l'esame della prostata" possiamo solo consigliare a tutto spiano quel dito guantato e giammai lubrificato, che curioso si insinua nelle mele alla ricerca della prostata, e chiedervi, signori famosi e letargici seguaci, quante volte toccherà ribadirvi che di quella ignobile prosopopea che sono i vostri status, i vostri scleri urlati al mondo e i vostri cambi di pettinatura non ce ne sbatte un fustacchioso Concetto?
Alla prossima settimana!

Wednesday, 7 December 2011


Scusate, amici lettori, ma qui ci viene l'orticaria. Passiamo le settimane a leggere lodi a questo o quell'artista incapace, percependo entusiasmi fasulli e costruiti, per compiacere case discografiche o di produzione. E noi a far buon viso a cattivo gioco, costretti a sentire le illuminate opinioni di chi a queste minchiate ci crede e a scherzarci su, persino. Ma ce n'è uno, uno solo, con cui tutto questo teatrino non funziona. Ci proviamo, a riderci, a dire ma sì, è come Fabio Volo e Vasco Rossi, ma non ce la facciamo.
Non sopportiamo che Lorenzo Jovanotti Cherubini sia visto come un illuminato dei nostri tempi, un artista innovativo e interessante, un maestro che ci mostra la via come manco Gandhi.
Perciò, dopo aver sopportato le opinioni entusiastiche della critica sul suo ultimo, inascoltabile cacolavoro, dopo aver trattenuto i mavaiacagare leggendo un'intervista talmente zeppa di ovvietà demagogiche da far impallidire il miglior Brignano, venire a scoprire che ha speso cinquecento lire per realizzare un video che ha il raro potere di far male agli occhi dopo appena quattro secondi è stato davvero troppo, e non possiamo più star zitti.
Lorenzo, facci un piacere, vai a cercarti un lavoro, come tutti i giovani a cui fai finta di assomigliare pur avendo 45 anni suonati. Il 3D non è innovativo (anzi, ha ampiamente rotto il cazzo -sì, ho scritto cazzo) e fingere di aver trovato un sistema economico per dare lo stessissimo effetto non ti rende alternativo, ma più simile ad un finto accattone, tipo i punkabbestia bolognesi coi soldi di papà. E datti meno arie, da queste parti non ti si sopporta più.
À la prochaine,
E.

Tuesday, 6 December 2011

IdiosincrasiAlterata
(Alternando Tronisti Maschissimi)
presenta:

Monday, 5 December 2011


Avremmo potute farne tante di citazioni musicali dopo le lacrime della Fornero in merito ai sacrifici e alle modifiche sulle pensioni, e proprio mentre assistevamo impotenti al festival della commozione, quando i prossimi alla pensione sacramentavano calendari su calendari, le note di cry me a river ci sgorgavano da qualsiasi orifizio plausibile.
Al che è stato consolatorio per la Fornero ricevere una nostra telefonata con una nostra lista dei migliori pianterelli che tanto ci hanno sollazzato coi venti di bonaccia:
- le lacrime dello zio preferito d'Italia che gronda dispiacere alle telecamere dopo aver occultato la nipotina tra rovi, fango e finocchietto selvatico;
- le lacrime di pentimento di Brooke Logan Forrester dopo aver copulato con 14 differenti membri della famiglia e aver scoperto che deve ricominciare da capo;
- le lacrime di Napolitano sulle tragedie varie ed eventuali (quelle si che risolvono) e le lacrime di Mario Merola nell'immortale Zappatore;
- le non lacrime di Bossi senior che non piange, ma farfuglia e borbotta cazzate da vero entertainer d'oltremanica, dimentico di quel bel paio di braccia crudelmente strappate all'agricoltura che ha messo al mondo e tirato in politica.

Sunday, 4 December 2011

Buongiorno a tutti venerabili lettori di questa gustosa rubrica domenicale, che vi sollazza con le sue deliziose ricette e la sua simpatia incontinente (in tutti i sensi). Insomma, bentornati a La Nouvelle Cuisine di Idiosincrosia Alterata.
Parleremo oggi di un tipico piatto della tradizione natalizia del sud italia, quando le sere diventano buie e la temperatura raggiunge gli zero gradi: l’insalata di riso.

Per un ottima insalata di riso innanzitutto abbiamo bisogno, cari amici intelligentoni, del riso! Quale miglior occasione per un bel viaggio in Cina, a sfottere quei fottuti Charlie e sottrarglielo, dopo avergli picchiato i bambini e violentato le donne? Beh, ce ne sono di migliori di occasioni brutti razzisti, quindi recatevi al primo discount Povertà© e comprate 1kg di riso triste, di quello che si scuoce sicuramente anche se ci state attenti tutto il tempo. Dopo averlo preparato, fatelo raffreddare ed adagiatelo in frigo per un’era geologica. Una volta che sarà granitico, con chicchi assomiglianti a piombini di fucile, aggiungeteci dentro, nell’ordine: tabacco pregiatissimo da masticare, dei canditi, dei candidati (a qualsiasi carica, non importa), del pomodoro, dei pomi di ottone, dei manici di scopa e delle scorze di naso. Mischate fino a ottenere un bel pappone di schifezze. Non siete paghi? Allora tritate anche il tutto e adagiate in foglie di fico d’india. Ancora insoddisfatti? Beh che volete pure una fetta di culo? Si? Allora aggiungetela a mo' di guanciale.
Facile e immediato, vero? Subito pronto per festeggiare con gli amici gli ultimi giorni dell’anno!

Vino consigliato: Granita di Nero D’Avola.

Saturday, 3 December 2011

Friday, 2 December 2011


In linea con l'articolo titolato "Togliete i libri alle donne e torneranno a fare figli", che il nostro caro Camillo Langone (che pensate un po' il caso fa proprio rima con Cordone e Gagarone) ha regalato questi giorni alle pagine di Libero, non potevamo non analizzare i risvolti legati alla futura e rinnovata sedentarietà che porterà tutte quelle donnine in carriera a rimanere in casa. E poichè ci sta molto a cuore il benessere ed il sollazzo delle nostre dispensatriciui di pargoli proporremo in questa sede tutta una serie di Idiosyncratic Toys, il cui unico scopo sarà quello di sanare le femminili noie quotidiane.
Elemento di punta è sine fallo il festaiuolo accomodante ( quello nella foto con la boccoluta Eupremia altri non è se non Fransisco Favaritta di anni ventisette sgranati ), che, dietro la facciata di impenitente gagà e di garzone di un qualsiasi salumiere, proporrà alle annoiate fanciulle festini sempre nuovi al limite dell'orgia tra baccanti e, alla fine di essi, si periterà nel condurla alla magione avita, portandola addirittura in groppa ( da qui il ruolo accomodante ). Costo del nolo del festaiuolo accomodante stimato in 3 santini di San Giovanni Bassista, 14 rubli canadesi e un boccacicci insuflato a settimana.

Sperando di aver fugato dunque le paure di tutte quelle signore che già si credevano perdute e annoiate nelle loro case, tosto passiamo alla succinta e minuziosa analisi delle tre posizioni tre della classifica seconda solo ai modi per rimanere incinta sulle pagine di Cioè: Lo Stronzo della Settimana.
Al terzo posto un bronzo che arriva direttamente da Albuquerque, dove il piccolo 13enne Bronson Pavarutti sarebbe stato arrestato per aver ruttato in classe durante una lezione. Tieni duro Bronson, siamo con te. Quella forma di linguaggio così incompresa che è il rutto verrà rivalutata un giorno e anche tu, come tanti altri incompresi filosofi del gorgheggio postprandiale, avrai la tua rivincita.
Lo senti il ditone? avrebbe esclamato alla moglie il buon James Byrne subito dopo il buon esito dell'intervento che gli ha permesso, sostituendo un pollice mancante con un alluce, di riacquistare l'uso di una mano. Condividiamo la giuoia di James rimanendo in Inghilterra per assegnare l'argenteo riconoscimento del secondo posto a Claire Ayton, il fiero donnone che negli ultimi 10 anni pare abbia bevuto 7.300 bottiglie di CocaCola da due litri. Ai nostri microfoni la Ayton ha dichiarato: "Trovatemeli voi dildi dal design così elegante e delicato!"
Nonostante gli scivoloni delle posizioni precedenti, il primo posto rimane in casa e viene assegnato con giubilo alla compagine dell'associazione "100% animalisti", vincitrice anche del premio "raid più inutile", per il blitz organizzato contro la redazione della rivista d'arredamento Abitare, rea di aver utilizzato per la copertina di novembre un'opera di Cattelan in cui vengono tagliate le ali di un canarino con delle forbici. Da parte nostra noi non possiamo che associarci a questo moto di protesta. Noi che i canarini solitamente li friggiamo direttamente nello strutto. Noi che mangiamo ancora bistecche con contorno di bistecche. Noi che uccidiamo spinti dalla musica metal. Noi che il sesso solo dopo il matrimonio. Noi che non ci sono più le mezze stagioni. Noi che ci riaggiorniamo la prossima settimana.

Wednesday, 30 November 2011

Non è un mistero. A noi in redazione piacciono i froci. La loro allegria, il loro eterno stupore nei confronti del mondo (con la bocca che, producendo la caratteristica O, si presta anche a ulteriori bisogni), il fatto che tutte le donne li amino e al contempo loro le lascino a noi.
È per noi motivo di giubilo, quindi, constatare che Tiziano Ferro, uno dei nostri acciuffabanane prediletti, s'è finalmente accasato. So che faremmo la felicità di molti, ma in rispetto della privacy del nostro ex ciccione non faremo un totofidanzati come siamo soliti fare, e aspetteremo tempi migliori per dare l'annuncio in pompa magna.
Chi invece proprio non sopportiamo sono le lesbiche.
Al di là del puro godimento estetico del vedere due donne assieme, infatti, ci duole troppo constatare che non ci invitino mai (tranne l'astuto Ingegner M., a cui basta mostrre un pelo pubico per entrare nelle grazie di donne, uomini e indecisi), e la nostra ben nota misoginia ci porta a considerarle esseri inferiori e sopravvalutati. Ecco che quindi Rosalinda miopadrevorrebbemorireperrivoltarsinellatomba Celentano fa di tutto per confermare la nostra tesi. Pettegola (non ci pensa due volte a sputtanare la Bellucci e la mai troppo detestata Asia Argento), frignona ed esibizionista, speriamo che venga presto a visitarci in redazione per ritirare il premio di Celebrità (?) Inutile Dell'Anno.
À la prochaine,
E.

Tuesday, 29 November 2011

IdiosincrasiAlterata
(Aspettando Tempi Migliori)
presenta:

Monday, 28 November 2011


Dopo pressanti richieste (anche meno) ci vediamo quasi costretti ad una pubblicazione di ripiego che accontenti tutta quella schiera di tenaci segai amanti della palla rotonda e di tutto ciò che ad essa si lega.
Nasce così L'Idiosincratico dello Sport. Una testata che analizza ripieni, risvolti e sfaccettature del mondo sportivo in tutta la sua concretezza.
In questo sin troppo roseo primo numero viene intervistato quel portatore sano d'incisivi di Ronaldinho, che, senza pelli sulla lingua e figuriamoci sullo scroto, ci racconterà delle sue notti insonni e dei rimedi, tramandati a lui dal bisnonno Leocleziano, per godere del sonno dei giusti.
E ancora il polverone sollevato da un commento di Yanina sulwebsolofotodelsuoculo Screpante, compagna del calciatore Lavezzi, che, rapinata a Napoli del suo Rolex (la prossima volta magari un giro tra le baraccopoli argentine agghindata come un albero di natale), si lascia andare in un twitteriano sfogo: "Napoles ciudad de mierda"
Cos'avrà mai voluto dire? Magari con mierda intendeva città di megere? Città di maschiacci? Città di malandrini? Yanina (che nome del cazzo è?), spiega ordunque il tuo interloscrivere... non sarà mica merda?
Orbene, raffinati amanti della palla e giammai del pelo, correte nelle vostre migliori edicole!

Sunday, 27 November 2011

“A donna non si fa maggior dispetto, che quando vecchia o brutta le vien detto” esclamò barzotto Guido Ariosto a sua moglie Orlanda, la quale, sentitasi in fallo, lo ridusse come Farinelli a suon di calci nelle palle.
Cosa centra tutto questo, chiederete voi simpatici amici? Semplice, il buon Ariosto, segnato da quest’evento, si gettò sul cibo ed ingrassò di 38 kg in 4 mesi, e quest’oggi ha deciso di partecipare alla gara di Wonton di Hong Kong. E chi vi ritrovo? Proprio lui, uno dei miei miti, colui che ha segnato l’inizio della mia avventura con Idiosincrasia Alterata: il presidente Cinese Wen Jiabao.
A quanto pare il torneo Tenkaichi quest’anno purtroppo è stato vinto da Li Peng, suo acerrimo nemico alla corsa presidenziale, cosa che ha fatto precipitare i suoi consensi. Il buon Wen, dunque, si sta dando da fare per recupare voti partecipando ad ogni competizione che abbia in Cina un minimo di credibilità. Dopo aver vinto questa gara, perché state sicuri che la vincerà, si dedicherà ad altre competizione ben più gloriose e complesse: Sodomizza il Chiwawa e Risolvi i Conflitti Condominiali.
Noi siamo con te Presidente, e già che ci sei, fai una capatina in Italia e vinci San Remo che ti facciamo presidente anche qui!

Saturday, 26 November 2011


Bentornati, politicizzatissimi amici, come ogni due sabati il sottoscritto prof. Aristide Maria Verdirame, coadiuvato dalla sempre cotonatissima assistente Brigida, vi presenterà
COGLIONI DI MULO
e altre meraviglie della natura
Come avrete notato dal serio e formale preambolo, qualcosa è cambiato, nelle due settimane in cui non ci siamo visti.
Al governo in Italia, infatti, è andato Mario Monti, emerito Professore che ha deciso di affidare ad altri Professori tutti i ministeri possibili e immaginabili. Forte è stata l'emozione, quindi, nel momento in cui ho sentito squillare il cellulare ed all'altro capo non c'era altri se non il Presidente del Consiglio, ansioso di affidarmi il dicastero di Maltrattamento e Umiliazione Animale, che, come il popolo di Facebook sa, era responsabile dell'illuminata legge sulla tassa sulle bestie che io stesso avevo concepito in uno slancio di entusiasmo. Presto Brigida, il miglior vestito da mignotta, ho urlato alla mia assistente mentre correvo a depositare il disegno di legge, essendo io sempre attento all'etichetta, in certi casi.
Peccato che la disinformazione dilagante abbia millantato che il decreto fosse una bufala.
Apriti cielo: il Presidente ha nasato la bufera e m'ha lasciato a casa, e a me non resta che rifarmi sull'ignoranza altrui e tassare in privato, arricchendo le mie già cospicue finanze, l'odontotecnico capo Sammy Rosenthal, lo splendido esemplare di bassetthound tassato della penisola italica che vedete in apertura. Il Rosenthal, non certo una cima, mi paga annualmente la profumata cifra di 16000 euri solo perché io o lasci vivere; spero per Brigida che non si accorga mai dell'inganno: è nota infatti la propensione dei bassetthound tassati di sfogare la frustrazione stuprando assistenti.

Friday, 25 November 2011


Quando Ermenegilda Paduli ha appreso dal suo tubo catodico casalingo dell'eliminazione dei vitalizi da parte del senato, non ha potuto non pensare al cugino di quarto grado di suo marito, tal Pinco Pallino (probabilmente il suo nome non vi è nuovo) di anni 56, parlamentati tutti in legislature varie ed eventuali.
La preoccupazione che il suo parente alla lontana non percepisse più la lauta paghetta avrebbe potuto far sfumare i sogni di quel meraviglioso gazebo visto in offerta proprio la scorsa settimana, ma non tema l'Ermenegilda e le damine a lei care al circolo di burraco! Il provvedimento senatoriale vale solo per i futuri eletti e non è retroattivo. Il cambiamento italico va a gonfie vele di pari passo con le previsioni del tempo; un po' come dire Sole all'orizzonte ma voi, nel dubbio, portatevi l'ombrello.
Tralasciato il fardello stipendiorum parlamentare, è arduo il compito di raccogliere voti e palette alzate, per far sì che l'attenzione delle nostre massaie più fedeli si focalizzi non sui sorrisi di legno della triade Merkel-Sarkozy-Monti, ma sullo Stronzo del Mese.
Dura la lotta questo mese.
E se da una parte ci si chiede ancora come sanare questo Spritz nelle borse, dall'altra c'è già chi ha ideato un modo per far entrare soldi nelle casse dell'erario. Attenzione dunque a giocare con la neve a Ferrara perchè potreste incappare in salatissime multe da 15 euro per le palle di neve, da 30 euro per l'omone con la pipa e nella terribile multa da 70 euro per ostentazione eccessiva di stupore guardando i primi fiocchi di neve cadere. Minzion d'onore quindi (magari un ghirigoro nella neve fresca) al sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani. Grandi esclusi sono stati Alemanno che da Roma grida al pericolo Mafia (in Italia Alema'? Ma che te stai a inventa'...) e, di contrappasso, il buon Bonanno che fornisce il Grana Padano come prova inconfutabile dell'esistenza della Padania.
Ma non possiamo certo tralasciare, distaccandoci per un attimo dalla politica, il diverbio fanciullino della coppia Fiorello-Guzzanti, che ha inscenato su twitter un catfight telematico degno di due sedicenni di Mocciana memoria.
"Show noiosissimo" aveva postato lei.
"Sei una rosicona" aveva ribattuto lui.
Un botta e risposta a fronte del quale l'unica cosa che possiamo chiederci è: ma se a fine puntata la Guzzanti avesse dato una bella risposta a Fiorello, lui poi le avrebbe dato una bella botta?
Questo non ci è dato di sapere.
No signori. No. Il nuovo arriva sempre dall'Oriente. Dovreste averlo imparato. E' per questo che ci ritroviamo ad assegnare lo stronzo di gnu rivestito d'adamantio ad Otsuka Norizaku, presentatore tv mandorlato che, per tranquillizzare il popolo nipponico, aveva pensato bene di mangiare davanti alle telecamere un'ottima insalatina di Fukushima (proponetela nei vostri aperitivi, pare sia una bomba) e che si dev'essere stupito molto di fronte alla diagnosi dei medici: leucemia linfatica acuta.
No, non ci sono proprio più gli Sposini di una volta che diluviavano polli in diretta.
Bon Appétit!

Thursday, 24 November 2011

E ora
Torna L'Egoista

Lungamente atteso ,poi dimenticato ,sta arrivando ,ad un giorno ed un anno dalla pubblicazione del primo episodio, l'episodio conclusivio della prima serie de L'Egoista

intanto, poichè l'ultimo episodio è uscito prima dell'estate e ormai è natale
eccovi il penultimo episodio, da rigustarsi mentre l'attesa si rinnova
che questo post, quasi come la carrozza di biancaneve ,
quando meno ve lo aspettate
si trasformerà nel Finale
Quindi:
Leggendo quest'allegro scorcio di storiella vi è venuta voglia di conoscere meglio
il nostro eroe?
(non siate timidi)
Anche se sono sicuro che i piu' scafati si saranno già
accorti del pulsantone giallo e verde con su scritto "l'Egoista"
che ha esattamente la stessa funzione

Wednesday, 23 November 2011

Forza amici, tutti in stazione!, ci ha urlato oggi lo stimatissimo Ingegner M., noto fan di Ligabue. Visti i nostri sguardi interrogativi, ci siamo beccati un cazziatone formato famiglia, perchè in tutta la redazione non c'è stato uno che si sia accorto della notizia del mese.
Ebbene sì, il rocker emiliano (sì, perchè in Italia basta aggiungere chitarre distorte ad un pop melenso e banale per essere definiti rock, ha commentato acido il garzone, subito zittito dallo sguardo di fuoco di M. e di noi tutti) non solo vuole ammorb allietarci con la visione nientemeno che in 3D del suo concerto (e apriremmo mille parentesi su come tra breve, probabilmente, potremo vedere in 3D persino il filmato di rimozione delle emorroidi della zia Nora, ma ci asterremo), ma ha deciso persino di organizzare un treno che porti alcuni fortunati fan da Milano a Roma apposta apposta per assistere alla prima, pensa te il culo alle volte.
Visto che dovevamo riabilitarci agli occhi dell'Ingegner, quindi, abbiamo deciso di indagare e riportarvi tutti i nuovi modi in cui il Lucianone nazionale ha deciso di intrattenere i propri fan (spillare quattrini ha detto sotto i baffi il garzone, ma è stato sentito e stavolta preso giustamente a ceffoni dietro al coppino).
  • Biancheria usata! Divertiti a sniffare il maschio odore del sottopalla del Liga, o ancora meglio usa il calzino sporco per degli esilaranti scherzi ai danni di quegli incompetenti dei fan di Vasco!
  • Una notte col Liga! Dai sfogo alla tua vocazione da cuckold regalando a tua moglie una notte densa di emozioni che il tuo pisellino non potrà mai darle!
  • Liga a casa tua! Sì! Finalmente potrai ospitare Luciano a casa tua, e sperimentare anche tu come siano vere le leggende che vogliono che si installi nelle abitazioni altrui per mesi e che non lavi mai i piatti!
  • Pagagli il mutuo! Accetta anche tu di pagare una rata per l'acquisto della sesta casa del Liga! Finalmente anche tu potrai avere la sua eterna riconoscenza in forma di un ritaglio di giornale (che probabilmente raffigura Vasco o Nek) autografato dal FRATELLO DI LIGABUE!
Cosa stiamo aspettando?
À la prochaine, E.

Monday, 21 November 2011


Che i parlamentari non vogliano rinunciare a vitalizi, privilegi e favori sessuali agli angoli delle strade lo avevamo capito già da tempo, ma ci siamo ugualmente sorbiti di buon grado tutto quel minestrone carnevalesco di caste e di finti paladini della politica che si son accorti solo ora degli zeri sulle proprie buste paga. Proprio adesso che Cicciolina ci arriva ai sessanta e decide di ritirarsi a vita pensionistica. E la platinata Ilona, in virtù di quel seggio conquistato a suon di preferenze negli anni che furono, avrà diritto a quel giusto conquibus che la legge assegna a tutti gli ex parlamentari italiani con alle spalle almeno una legislatura. Nel caso di Ilona si parla di tremila cucuzze lorde. E com'è giusto e normale nel nostro caro stivale si grida subito allo scandalo. Ma perchè d'altronde? Noi siamo sicuri che Ilona meriti questo vitalizio più di tanti altri suoi esimi colleghi e non solo per essere riuscita, almeno nella finzione cinematografica, a far vincere all'Italia i mondiali del '90, ma soprattutto perchè, come disse una volta Faletti, fino ad ora è stata l'unico uomo politico italiano a farsi fare quello che gli altri uomini politici hanno fatto agli italiani.

Sunday, 20 November 2011

Buongiorno gentili avventori e bentornati, nonostante la latitanza, alla rubrica culinaria amata da tutti e disponibile ora anche in pizzini per i nostri amici legati ad attività parastatali: La Nouvelle Cuisine di Idiosincrasia Alterata.
Oggi, nonostante il fiato sul collo della vecchia di merda astuta Jessica Fletcher, siamo riusciti a partorire una prelibatezza da farvi leccare i baffi della nonna Austera, saggia babbiona dal rude viso: gli Involtini idiosincratici.

Innanzitutto procuratevi un cicciobombo fustacchione qualsiasi ,e ingraziatevelo promettendogli piccoli bomboloni ripieni di nutella. Una volta che sarà ben lisciato dalle vostre promesse di delizie, prendetelo a calci in culo e costringetelo a mangiare nell’ordine: un tacchino denutrito, un bel prosciuttone invecchiato un paio di anni, due piccoli formaggini di Susanna Tutta Panna e una confezione di stuzzicadenti in vero bambù.
Ora aspettate che il bombolo caghi, ma, attenzione, scoprirete con rammarico il suo problema di stitichezza.
Quindi, scocciati, procuratevi il raro Guttalax Corleonese, grazie all’aiuto dei parastatali di cui sopra, senza dimenticare di avere poi un debito con loro che non potrete giammai rifiutare di saldare.
Il ciccione, sotto la minaccia di nocchini sulle ginocchia, deglutirà l’intera confezione e, come una betoniera di grasso, produrrà, finalmente, dal suo retto dei piccoli involtini già instecchinati e pronti per la cottura. Adagiamoli in una padella abbastanza capiente cuocendoli a fiamma bassa e bagnandoli con del pregiato Chardonnay del 1987.
Vedrete, una delizia che vi farà urlare di piacere!
(Il cicciobombo tenetevelo buono che può sempre tornare utile per altre ricette future, quindi regalategli gli ambiti bomboloni. Lui vi ringrazierà e si renderà sempre disponibile.)

Vino Consigliato: dell’ottimo Ronco-ni da tavola.

Saturday, 19 November 2011

Friday, 18 November 2011


Sono tristi momenti per lo stivale.
Ce lo ricordano i giochi di parole con il cognome Monti che i giornalisti si divertono ormai a buttare su carta (sì, avete rotto il cazzo coi vari "Full Monti", "nè mari nè monti", "l'asso nella manica di Monti si chiama Passera" - a tal proposito una bella moratoria verbale non farebbe così male), ce lo ricordano i vari Natali a "scegli un posto qualsiasi" che dovrebbero allietarci le prossime festività nataliche, ce lo ricordano quella valangata di mail spam sull'acquisto di viagra e ce lo ricorda anche Casimiro Verzelli (anni 46 nanicamente ben portati sotto il segno dell'apicoltore), bieco protagonista della primissima trasposizione cinematografica del libro di Paolo Giordano. Purtroppo, le 36 bobine contenenti la storia struggente del bimbo geniale Mattia, il quale, isolato e reietto per via dell'autismo di una sorella ganga, vive la propria solitudine con maschio silenzio e virile dolore, sono andate perdute e non possiamo godere di quei momenti d'alto cinematografo, che vedono Mattia rifuggire paure e incertezze nel domani in un mondo tutto suo fatto di valori sinceri e di un'incredibile passione per un autoerotismo indisciplinato che lo impegna H24.

Consci di questa perdita per la settima arte, non ci resta che accontentarci mestamente della classifica che lo stesso Giordano ci ha giurato aver inserito nei suoi preferiti: Lo Stronzo della Settimana.
Al terzo posto, e quasi ci distrae da un gregge di pecore belanti che passa in questo momento sotto le finestre della nostra redazione, fa sentire la sua presentia il meraviglioso qualunquismo velato di finto buonismo della Benetton con la campagna fresca di trinca "UNhate" ( ma sì, volemose bene ) in cui fa baciare scandalosamente sulle labbra personaggi altrimenti in disaccordo ideologico, sociale, morale, anale. Così i limoni scattano tra Silvio e Angela, tra Obama e Hu Jintao, tra Benedetto XVI ed un'anguria. La nostra domanda resta sempre la stessa sia di fronte alle presunte provocazioni sia di fronte alle facce sconvolte dei guardogustoperlericettenuovepensanti: ma davvero?
Al secondo posto fa la sua timida comparsa il temibile bandito che ha cercato di svaligiare un supermercato in quel di Nuoro. Violentissima e da denuncia la reazione del cassiere che, di fronte all'annosa verbalizzazione del gran classico questa è una rapina, ha lanciato contro il mariuolo tutta la propria indifferenza, obbligandolo, ferito e malconcio, a darsi alla fuga.
E siamo alla vetta. Ripetute le segnalazioni degli utenti e sì, lo abbiamo visto anche noi che s'è pure denudata per la causa del signorott... del signorilinagg... del signoraggio delle banche, ma vediamo... come possiamo rendere giustizia all'incredibile rottura di pelotas? Questa nuova propensione della Tommasi (quasi simile all'infatuazione verso una nuova setta pagana) di svestirsi a portavoce di Giovangualtierugo Marra (l'indimenticato autore di Labirinto Femminile, che cazzo studiate!) cancellerebbe le sue precedenti marachelle bungare e lei per prima ci tiene proprio a bloccare quest'ascesa ignobile di cattivismo, bastardismo e signorottilismo delle banche. In un paese come il nostro poi, dove il maggior interesse nelle scorse settimane era capire cosa cazzo fosse questo Spread. No Sara, no Giambattistangelo Marra! Questa volta no. Il primo posto viene quindi assegnato per protesta al più valido indignato del momento Joao Leite Dos Santos, altresì noto come l'ubriaco di San Paolo amico delle scimmie. L'uomo, dopo essersi scolato tutto il fiume Tietê corretto alla Sambuca, ha creduto opportuno entrare nella gabbia delle scimmie di uno zoo per sollazzare i primati con il suo immane pitingo. Immediata la reazione delle scimmie, che lo hanno pestato di giustezza e d'eleganza. Questo per dimostrare la valenza, anche nel mondo animale, del signorittismo bancario.

Thursday, 17 November 2011

Wednesday, 16 November 2011


È ufficiale: siamo in guerra.
Non con l'Iran, la Siria o altri paesi di sporchimediorentalichevoglionoimporcilalororeligione, non siamo così schifosamente faceti, noi. A noi interessano principalmente due persone, in questa sede.
La prima è Albano. Il povero Carrisi, colpito dalle accuse dell'ex moglie Romina di essere stato un padre ed un marito violento (sti calli me li sono fatti a furia di zappare e menare, avrebbe confidato il cantante ad un suo amico, prontamente ascoltato dall'orecchio fino del nostro garzone redazionale), ha ribattuto dichiarando urbe et orbi che Romina faceva uso di marijuana e forse anche altro, e che sia la scomparsa della loro figlia Ylenia, sia la fine del matrimonio siano da imputare a questo vizietto che giammai ci si potrebbe aspettare dalla bella figlia di un attore famoso, perlomeno non nel mondo di arcobaleni e unicorni in cui Albano vive.
La seconda è Julian Lennon, figlio del famosissimo John, entrato in polemiche e sarcasmi tutti inglesi con Paul McCartney, reo di non cagarlo abbastanza pur avendo scritto per lui Hey Jude. Il tapino, novello emo nonostante i suoi 48 anni suonati, lamenta inoltre di essere sempre stato escluso dallo stato di famiglia dei Lennon, in quanto figlio di primo letto e non della mai troppo vituperata Yoko Ono, che tra le mille colpe di cui si è resa fautrice nel corso degli anni, ha osato persino concedergli soltanto venti milioni di dollari dal patrimonio paterno.
Apriti cielo: un caustico post su Facebook non gliel'ha levato nessuno.
La guerra, amici lettori, non è tra Albano e Romina, né tra Julian e Yoko e Paul, bensì tra il passato e il futuro, tra la tradizione e la tecnologia. Chi otterrà più risalto, Albano con la TV o Julian con internet? Sarete voi a decretare il frignone più efficace.
À la prochaine,
E.

Tuesday, 15 November 2011

IdiosincrasiAlterata
(e va beh non si può mica sempre fare acronimi con l'ATM)
presenta:

Monday, 14 November 2011


Ebbene sì, ancora una volta punto e a capo. Speranze nel domani, nessuno che faccia un daiquiri come si deve e un MacDonald's in piazzale Loreto al posto di un duce che dondola a testa in giù. Se di fronte ai cambiamenti e agli sbalzi climatici però l'unica domanda sensata che lambisce il vostro mesencefalo è "ma quanto gli sarà venuto duro a Garibaldi dicendo Nino qui si fa l'Italia o si muore" allora per voi c'è ancora l'Idiosincratico.

In questo scoppiettante numero di novembre l'Idiosincratico svela l'agghiacciante verità dietro cui si frantumano i sogni di un futuro rose e fiori. Sotto le mentite spoglie di Mario Monti, economista di grido e Advisor della Goldman Sach (una società bene bene che specula da anni sui debiti dei paesi europei che verrebbe quasi da pensare che i tagli alla spesa pubblica in effetti possono essere propedeutici alla speculazione - conflitto di interessi mon amour), si nosconderebbe non un terzo di Tremonti, come millantava la signora Famoso Iole anni fa, ma il temibile Erik Leshner, ancor meglio conosciuto come Magneto. Tutti almeno una volta abbiamo visto gli X Men quindi è inutile stare a sottolineare cosa succede quando al buon vecchio Erik gli vorticano gli zebedei. Lo stesso Napolitano ha cercato di rabbonirlo con la nomina a senatore a vita dopo che Bossi gli aveva fatto vedere le foto della cresima pagana di suo figlio il Trota, ma ciò non è stato sufficiente affinchè Bossi evitasse l'ingresso non richiesto di quella trave calamitata violentemente da Erik in quell'ano lumbard.
In più, tanto per non passar troppo di palo in vasca e per allietare quei pomeriggi romantici in compagnia del vostro ramarro da riporto o della vostra numerosissima prole, i primi estratti del brand new album di prossima uscita del cantastorie musichiere Mariano Apicella insieme al premier uscente. Un capolavoro dal titolo "Il vero Amore" su cui già si parla di Grammy per poesie romanzate in musica dai titoli struggenti come "Cacasse il Mondo" e "Ma se ti perdo (carica da premier)".
La domanda è quindi lecita. Cosa vi serve ancora per precipitarvi a far la conta della moneta spicciola? L'accertarvi del reale inturgidimento garibaldino?
L'Idiosincratico vi attende nelle migliori friggitorie di Santa Maria Capua Vetere e dall'edicolante Giangiorgio Puzziteddu di fronte a Palazzo Grazioli (chiedetelo a gran voce che il tapino è duro d'orecchi e rifila a tutti vecchi numeri di Penthouse e Chiamami!)
Check it out!

Sunday, 13 November 2011

“Quousque tandem abutere, Catilina, patienta nostra?” disse la signora Maria Esposito a suo marito Gennaro Catilina, reo di non aver lavato per l’ennesima volta i piatti, il quale, sorpreso, rispose alla sua amata: “Ma vattin’ bucchinà!”
Tutto questo per introdurre il personaggio che andiamo quest’oggi a presentarVi: politico di razza, ma anche showman e trascinatore di folle grazie al suo carisma, la sua bellezza e la sua verve.
No, non sto parlando del Premier uscente, ma di colui che viene indicato sia dalla maggioranza che dall’opposizione come la personalità forte che ridarebbe fiducia ai mercati e ristabilirebbe i vecchi sani valori di una volta di fronte a questa crisi culturale che imperversa nel nostro Paese ormai da anni: si, parliamo proprio di Giovanni Bivona.
Il Nostro nasce inspiegabilmente parrucchiere, ma dopo aver capito che non se ne può più di queste cose che manca il lavoro e soprattutto che non si vole spusà cchiù nuddo picchè manca u thravagghiu, si dedica anima e corpo alla lotta politica e al censurare la pornografia , rifiutando persino inviti ai famosi Bunga Bunga, con il suo motto "Proteshtiamo!"
Anche noi appoggiamo questa scelta responsabile dei nostri politici: Il Bivona ha tutta la nostra stima e lo sosterremo in tutte le sedi possibili facendo campagna elettorale attiva per lui e il suo staff.
Staff di cui il noto injenier M. fa ormai parte da tempo.
Ora diciamo tutti insieme: “grazie che ho bevuto”.


Saturday, 12 November 2011


No, professore, stasera non posso uscire, il cane poi rimane solo, mi ha risposto una procace ma inetta studentessa del mio corso in Maltrattamenti Felini all'Università di Trepalle (SO) dopo il casto invito ad un'entusiasmante partita a Mugoloni, scatenando così la mia malmostosità. È per questo che non sarò tenero nei confronti della fiera che anche oggi, assistito dalla pettoruta assistente Brigida, presenterò durante
COGLIONI DI MULO
e altre meraviglie della natura
Ebbene, il morbidissimo esemplare che vedete in foto proviene dalla mia collezione personale di bestiacce che raccolgo in giro per il mondo al solo scopo di far pagare loro l'aspetto tenero e carino che la natura gli ha regalato con calcioni ben assestati nel deretano, pletore di ceffoni a mano aperta e manrovesci con anello incorporato dritti nel grugno.
Non nascondo, tuttavia, che nel caso di Pietro Albertelli, il Tamarino Einsteniano che possiedo, ho avuto alcune remore. L'Albertelli infatti mi si è presentato con un libro di astronomia sotto braccio, disquisendo edotto di fisica e relatività e mostrando genuino interesse verso le materie che sosteneva di insegnare presso il liceo dei tamarini della provincia. Peccato che dopo averlo portato a casa e aver sottoposto ad un'attenta analisi le sue parole ho scoperto che quelle che diceva erano solo una massa di minchiate; come se non bastasse, Brigida ha dichiarato garrula Certo che quel baffo fa proprio il solletico, lì sotto!. Non c'ho visto più: nocchini per sempre, caro Pietro, nocchini per sempre.